Noi Apicoltori 400g

La linea “Noi Apicoltori” comprende anche alcuni mieli nel classico formato in vetro da 400g: acacia di Emilia-Romagna e Lombardia, bosco del Piemonte, castagno del Piemonte, coriandolo della Puglia, eucalipto di Lazio e Toscana e millefiori dell’Emilia-Romagna. Come tutti i nostri mieli, non vengono pastorizzati, per offrire una grande varietà di aromi e profumi tipici dei fiori di provenienza e delle zone di origine.

Acacia di Emilia-Romagna e Lombardia

Durante la fioritura, che dura circa 10 giorni, le api si tuffano a ripetizione nei calici straripanti di nettare, da mattina a sera, senza tregua. Questo miele viene raccolto in primavera nei boschi di acacia, in particolare delle Prealpi, ma è presente in tutta la penisola. Ha un colore chiaro, tendente al trasparente, una consistenza naturalmente liquida e un sapore dolce e delicato.

Bosco del Piemonte

Detto anche miele di melata, è l’unico miele che non deriva dal nettare dei fiori, bensì dalla melata, la secrezione zuccherina emessa da insetti quali la metcalfa pruinosa o altri Rincoti Omotteri che succhiano la linfa degli alberi assorbendone le sostanze azotate.

Millefiori dell’Emilia Romagna

I millefiori sono la summa di tanti mieli, quante sono le innumerevoli combinazioni delle fioriture da cui le api attingono. I millefiori avranno quindi consistenza diversa, mantenendosi liquidi più a lungo o cristallizzando in breve tempo, per la presenza più o meno marcata di parti di acacia o castagno o bosco. “Il millefiori” è la più autentica e pura espressione del territorio di raccolta, in grado di restituirne odori, colori e sapori.

Castagno del Piemonte

Raccolto nei castagneti delle Alpi e degli Appennini, durante l’estate, questo miele presenta un colore scuro, con sfumature rossastre ed è naturalmente liquido. Il suo caratteristico aroma lo rende ideale con le carni e i formaggi stagionati, sposandosi perfettamente anche con il tè nero, con vini rossi non fruttati o con birre artigianali.

Eucalipto di Lazio e Toscana

Mediamente dolce, i palati più sensibili percepiscono la delicata nota salata, dovuta al fatto che l’eucalipto cresce in zone salmastre e vicino al mare. Viene raccolto durante l’estate e l’autunno nel Centro-Sud della penisola e nelle isole.

Coriandolo della Puglia

È una novità per gli apicoltori italiani! Negli ultimi anni le coltivazioni di coriandolo nel centro e sud Italia hanno offerto, alle api, abbondanti fioriture. L’odore penetrante del fiore, contrasta con il profumo del miele che è gradevole, con un leggero sentore di “cocco”.

Miele di Arancio

Raccolto nel Sud Italia, è uno dei pochi mieli il cui profumo ricorda direttamente quello dei fiori di zagara, da cui si ottiene. È un miele cristallizzato, chiaro, dal sapore fruttato e piacevolmente acido. È ideale per la preparazione di torte e biscotti o dessert al cucchiaio, ma si può anche usare per creare fantasiose vinaigrette o da abbinare a formaggi freschi o a pasta filata come mozzarella, caciocavallo o scamorza.

Miele di Sulla

La sulla è una pianta foraggera che fiorisce verso la fine della primavera e caratterizza il paesaggio del Centro e Sud Italia con il suo colore vivace. Questo miele è cristallizzato, chiaro e presenta profumi e note vegetali. Grazie al suo sapore delicato, è ideale per dolcificare bevande calde e fresche ed è eccellente negli abbinamenti con la frutta fresca e secca, ad esempio mandorle e nocciole.

Miele di Girasole

Raccolto nelle Marche, il girasole è un miele dal profumo leggero di paglia, fieno e polline. Al palato presenta note rinfrescanti, con un sapore fruttato di albicocca matura. Ha un colore molto vivace e particolarmente gradevole. E’ il classico miele da tavola, ideale per realizzare biscotti secchi, è anche indicato in accompagnamento ai formaggi semi stagionati e alle uova e frittate. 

Pin It on Pinterest